Acid Front – E.C.O. 303 (Muzak)

Acid Front - E.C.O. 303Sulla scia dei virtuosi del Roland Bassline TB-303 come Hardfloor, Mono Junk , DJ Misjah & DJ Tim, Emmanuel Top, Acid Junkies, Miss Djax, Woody McBride o Like A Tim, l’italiano Piercarlo Bormida realizza il suo primo disco nel 1995. Riascoltarlo oltre venti anni dopo rende l’idea di quanto fosse diversa la tecnica di produzione dei tempi. I suoni “parlano” e vibrano in modo individuale, solistico, generando un effetto finale che assomiglia più ad un live in cui il performer armeggia con pochi ed essenziali strumenti. Una drum machine ed un generatore di basso, nient’altro. Il minimo per dare il massimo.

«Avevo venticinque anni, era già uscito un mio disco col progetto Tristan Tzara intitolato “Get Into The Music” ma Acid Front di fatto rappresentava la mia prima produzione da solista. Fu indimenticabile poter tenere tra le mani il vinile e vedere il proprio pseudonimo incastonato nell’occhio della Muzak» oggi racconta Bormida. Muzak (che davvero nulla divide con la cosiddetta “musica da ascensore” e che fu un omaggio all’omonima rivista musicale italiana attiva tra ’73 e ’75) è una delle etichette messe in piedi da Leo Mas, Andrea Gemolotto e Fabrice, insieme ad Informal, Pin Up, Models Inc. e Spock. Ognuna seguiva una traiettoria stilistica ben precisa in un modo tanto originale da catturare l’attenzione del magazine tedesco Frontpage su cui appare un articolo ad aprile 1995.

Muzak, Frontpage aprile 1995

L’articolo dedicato a Muzak apparso sul magazine tedesco Frontpage ad aprile 1995

«Conobbi la “triade” da appassionato di musica elettronica attraverso le loro produzioni e le loro serate in giro per il Nord Italia. Ho frequentato assiduamente la scena underground elettronica del tempo, ascoltare le ultime uscite discografiche che arrivavano da Zero Gravity (il negozio di dischi gestito dalla “triade” a Udine, nda), il paese dei balocchi per gente come noi, era una sorta di missione: carpivamo cosa facevano musicisti che mai avremmo conosciuto per distanza geografica ma coi quali ci sentivamo in forte affinità. Su consiglio del carissimo amico DJ Salvo, grande estimatore delle uscite Muzak, decisi di mandare un demo e qualche tempo dopo mi rispose Fabrice. Lo consideravano in molti, io in primis, il DJ più all’avanguardia della scena italica. L’avevo conosciuto precedentemente in occasione di una delle sue numerose serate ma il fatto che avesse deciso di produrre la mia musica mi emozionò moltissimo. La cernita dei brani portò alla scelta dei due pezzi contenuti nel disco, ma ricordo di avergli mandato diverse tracce, credo cinque in tutto. Partii così alla volta di Udine e proprio nel negozio di dischi conobbi anche Gemolotto: due personaggi indimenticabili, li stimo molto per quello che hanno apportato alla scena elettronica dell’epoca. Ho ancora diversi tape coi DJ set che conservo gelosamente in studio».

In “E.C.O. 303” (E.C.O. sta per Electrocorp Cybernetic Organism) il telaio ritmico è appena abbozzato con kick e gli hi-hat che entrano ed escono, la voce grossa la fa la 303, indiscussa protagonista del 12″. Stride, si contorce di continuo, il perdurante tweaking viene issato verso velocità più sostenute e a metà stesura irrompono suoni acutissimi, un vero trapano per le orecchie. Non dissimile l’idea di “Decay Probability” dove la serpentina di 303 continua a strisciare ed arroventare la scatola metallica del groove che rimane essenziale. Per assemblaggio entrambe ricordano parecchio quanto accade in quegli anni sulle olandesi Bunker Records e Reference Analogue Audio con Unit Moebius, Rude 66, Beverly Hills 808303 o Interr-Ference. Ritmi volutamente scarnificati grondanti lacrime acide.

Nell’arco di quasi venti minuti (il primo dura 10:48, il secondo 9:39), Bormida regala un autentico trip di vintage acid techno, di quella che mandava in visibilio gli appassionati del genere. «Al tempo il minimalismo acido mi aveva letteralmente rapito. Mi piaceva molto l’austriaca Cheap di Erdem Tunakan e Patrick Pulsinger, senza tralasciare Bunker Records e l’Analog Records di Minneapolis.  Non facevo ancora il DJ, mi limitavo ad ascoltare tanta, tantissima musica, e a produrne ininterrottamente. Credo sia stata una vera e propria malattia. Tempo dopo sono passato a sonorità più astratte e melodiche avvicinandomi alla Warp ed alla Rephlex, ma questa è un’altra storia. I pezzi di quel 12″ su Muzak nacquero nell’Alien Front Studio, ossia la mia cameretta. Il letto era l’unica zona franca. Tutto il resto dello spazio era occupato da dischi, cavi, strumenti elettronici principalmente analogici: possedevo delle Roland TB-303 (ben tre!), un ARP Odyssey Mk II, un Roland Alpha Juno-1, la mitica Roland TR-808, e poi Roland SBX-10 Sync Box ed interfaccia Kenton Pro-4, aggeggi vari che utilizzavo come effetti, un Roland JX-3P con programmer ed una TR-606 presi in prestito dal mio socio Paolo ‘Atzmo’ Beltrando (con cui qualche anno dopo ho fondato la Betulla Records, ai tempi suonavamo ancora insieme come Tristan Tzara). In me c’era un netto rifiuto per la macchine digitali e la costruzione dei brani avveniva sostanzialmente in real-time: non era tanto la precisione che mi interessava quanto il flusso delle sequenze. Ecco perché la TB-303 era fondamentale, la manipolazione delle onde sostituiva le melodie vere e proprie, era come praticare un’alchimia sonica. I due brani del disco ne sono testimoni espliciti coi loro circa venti minuti, Insieme alla mia gatta siamese Sirikit (RIP) che sembrava apprezzare amorevolmente quel tormento. Non ho la più pallida idea di quante copie vendette ma so che diversi DJ lo suonarono in giro per l’Europa, almeno stando alle info che mi giungevano da Udine. Comunque non badavo molto alla risposta del pubblico, sono sempre stato un orso di montagna».

Nonostante il promettente esordio, di Acid Front si perdono le tracce e sinora quello su Muzak resta l’unico episodio. «Un seguito ci sarebbe stato se avessi prestato più attenzione alla produzione vera e propria. Successivamente, sempre con lo pseudonimo Acid Front, mandai un demo tape intitolato “Analog Assault” alla Electric Music Foundation, una divisione dell’Analog Records di Minneapolis citata prima: quei 7″, come “Tarantula” di Freddy Fresh, mi facevano letteralmente impazzire, li trovavo superlativi. Qualche mese dopo aver spedito il demo mia madre ricevette una telefonata intercontinentale (vivevo ancora in famiglia), ed era un tale Freddy Fresh. Purtroppo non sono stato abbastanza tenace da seguire la cosa e lasciai sfumare l’occasione. Comunque ho diverse ore di musica registrata su cassetta e CD che invecchia come il Barolo. Tengo le cose che considero preziose (solo per me, ben inteso, dopotutto si tratta di musica autoprodotta) in cantina a prender polvere! Tra queste cinque brani che ho pubblicato su Soundcloud, proprio quelli che erano piaciuti a Freddy Fresh venti anni fa». (Giosuè Impellizzeri)

© Riproduzione riservata

Annunci

Da Blitz – Movin’ On (Inprogress)

Da Blitz - Movin' OnVero successo della primavera 1995, il brano dei Da Blitz (Simone Pastore e Viviana Presutti), ha origini ancora più lontane, almeno a livello di creazione. «Era pronto già un anno prima in una versione differente rispetto a quella che poi uscì a firma Gabry Ponte. Eravamo molto richiesti in Spagna per i concerti e quindi, per allungare il programma e fare almeno mezz’ora di esibizione, producemmo diversi inediti tra cui “Movin’ On”» racconta lo stesso Pastore. La versione in questione si può ascoltare in un video registrato a luglio 1994 durante lo show dei Da Blitz alla discoteca Modonovo di Savelletri, in Puglia.

A marzo del 1995, in piena era eurobeat, “Movin’ On” fa capolino su etichetta Inprogress, sublabel della Bliss Corporation che comprende i progetti di maggior successo come Bliss Team, Vandana, Blyzart e molti altri. «Era un disco che si differenziava dai precedenti in quanto anticipava un po’ le sonorità che emersero alla fine di quell’anno, vertendo sulla progressive/trance, con una velocità più sostenuta rispetto ai classici 135 bpm che andavano di moda fino al 1994 per quanto riguarda la dance».

Lo Studio A della BlissCo (1994)

Lo studio A della Bliss Corporation nel 1994, dove vengono realizzati tutti i singoli dei Da Blitz. Foto gentilmente concessa da Simone Pastore

La popolarità dei Da Blitz si consacra proprio con questo singolo che arriva come i precedenti tre in vetta alle classifiche italiane ed europee, e vede, oltre all’uscita di diversi remix (tra cui il Puerto Rico, in cui il refrain centrale del disco cantato da Viviana viene sostituito dal rap “reggaeggiante” di Jeffrey Jey), la realizzazione di un videoclip, «girato, come sempre, negli studi della Bliss Corporation e realizzato facendo largo uso di computer grafica. Era nostra abitudine far apparire negli stessi videoclip la maggior parte del gruppo di produzione dell’etichetta, come ad esempio Gabry Ponte».

Chiosa finale sul periodo alla Bliss Corporation: «Entrai nel team dell’etichetta torinese di Massimo Gabutti e Luciano Zucchet a settembre del 1993 quando c’erano due studi e il progetto di punta era Bliss Team, fresco di successo grazie a “People Have The Power” pubblicato dalla Propio Records di Stefano Secchi. Il nostro “Let Me Be” fu il primo a marchio Inprogress, gli studi e la struttura si ampliarono e c’era un’atmosfera davvero da grande famiglia. Era un piacere arrivare in studio e non era affatto stressante essere lì dalla mattina fino a tarda sera. Poi qualche insuccesso discografico ha iniziato a deteriorare i rapporti ma faceva parte del gioco, il ricordo di quegli anni resta e resterà comunque bellissimo» conclude Pastore.

Dopo “Movin’ On” i Da Blitz continuano ad essere presenti nelle classifiche con “Take Me Back” ed “I Believe”, per poi arrivare alla conclusione del progetto nella primavera del 1998 con “Love & Devotion”, poco prima di “Blue” degli Eiffel 65, che segna la seconda giovinezza discografica per l’etichetta torinese. (Luca Giampetruzzi)

© Riproduzione riservata

Einstein Doctor DJ – Automatik Sex (Plastika)

Einstein Doctor DJ - Automatik SexLe hit di Corona, Cappella, Ice MC, Digital Boy, Playahitty, Paraje o Da Blitz, giusto per citarne alcune, hanno fatto del 1994 una delle annate più fortunate dell’italodance. Nell’inverno-primavera di quell’anno (va in stampa a gennaio – sul runout è riportata la data 18-01-94 – ed esce a febbraio) si fa notare anche un brano che si sgancia dal classico formato “strofa-ponte-ritornello” e strizza l’occhio alla techno/trance mitteleuropea fatta di suoni più gelidi e ritmiche meccaniche. È “Automatik Sex” con cui Claudio Zennaro (attivo sin dal 1990, quando realizza “Tango Beat” di Q Base insieme ad Andrea Gemolotto) vede emergere il suo alias Einstein Doctor DJ, coniato nel 1991 con “Disco Loco” ed usato per altre tre apparizioni nel 1992 passate quasi del tutto inosservate.

«I primi dischi furono dettati dalla sperimentazione in studio di registrazione ma risultarono ugualmente importanti perché mi permisero di individuare il giusto sound» racconta oggi l’autore. Non succede nulla sino alla fatidica stagione inverno-primavera 1994 quando Zennaro, coadiuvato nel Palace Recording Studio da Sergio Portaluri e Fulvio Zafret, si ritrova in molte classifiche e in decine di compilation con un brano caratterizzato da un parlato in lingua tedesca di una certa Jasmine di Brunico, paese in provincia di Bolzano. È quello l’elemento che probabilmente lo rende riconoscibile sin dal primo ascolto. “Automatik Sex” diventa a tutti gli effetti un autentico “riempipista”, riprendendo un termine tanto in auge nella Radio DeeJay cecchettiana. Tra le versioni disponibili sul 12″ pure una in lingua italiana, la Italien Mix, una ai confini con l’hardcore, la Geilheit In Frankfurt Mix, e l’Akappella Mix, campionata nel 2001 dai tedeschi Shithead per la loro “Techno Perversion”. I remix, tra cui quello dei Virtualmismo, finiscono anche su picture disc.

Einstein Doctor DJ nel Palace Recording Studio

Einstein Doctor Deejay nel Palace Recording Studio, in una foto scattata presumibilmente tra 1993 e 1994

Il successo di Zennaro si ripete in autunno con “Elektro Woman”, tipico follow-up costruito sui medesimi elementi del precedente e pubblicato dalla stessa label, la Plastika del gruppo bolognese Expanded Music. Questa volta la voce è di Federica Micheli. Per l’autore il 1994 è propizio anche per l’attività da DJ che lo vede tra i protagonisti nelle consolle dell’Omen Frankfurt e dell’Asylum, assoluti punti di riferimento per il clubbing techno in Veneto.

nel palace recording studio con sergio portaluri e fulvio zafret, nel mastering di automatik sex

Claudio Zennaro, Sergio Portaluri e Fulvio Zafret nel Palace Recording Studio, durante la fase di mastering di “Automatik Sex”

Da “Automatik Sex” in poi Zennaro immerge i brani di Einstein Doctor DJ in una dimensione che risente dell’influsso della fantascienza cinematografica e della costante immaginazione del mondo del futuro. «Non mi ispirai a nessuno in particolare, a parte qualche influenza della techno tedesca in stile Kraftwerk ma proiettata in un altro contesto. In studio mixavamo su banco Solid State Logic ed usavamo classici strumenti analogici e vari campionatori. L’atmosfera era molto coinvolgente e positiva. Quel tipo di produzioni si “sfornavano” in una settimana appena, senza troppi pensieri, né da parte nostra né da parte dell’etichetta. La techno viveva un momento molto importante ma il mio ringraziamento va in particolare a Radio Italia Network che fece conoscere questo genere in Italia».

Per Zennaro però lo Stivale tricolore mostra già ai tempi chiari segni di arretratezza. A settembre 1995 dichiara ad un magazine: “La nostra è una scena discografica deprimente e da terzo mondo, sia come vendite che come importanza. Basti pensare che la dance sia legata, per la quasi totalità, al vinile, e che certi supporti, come CD o video, non sortiscano alcun effetto. Nel resto d’Europa invece avviene esattamente il contrario. Non sono entusiasta neanche per le produzioni visto che la stragrande maggioranza è troppo “italiana” a parte sporadici casi. I produttori nostrani non tengono conto di un eventuale successo all’estero, penso che ciò sia determinato da una sorta di egoismo presente nel nostro sangue”. «Sono trascorsi quasi ventuno anni e confermo nel modo più assoluto quanto detto allora. È un dato di fatto evidente. In Italia “Automatik Sex” vendette circa 40.000 copie. Su tale risultato può aver inciso il supporto di Albertino ma il pezzo ottenne consensi anche all’estero, in particolare in Austria, Germania, Francia, Svizzera ed Olanda. “Elektro Woman” funzionò un po’ meno ma ritengo fosse il perfetto follow-up».

premiazione Mo-Do

Giovanni Natale della Expanded Music, Claudio Zennaro e Fabio Frittelli, frontman e vocalist del progetto Mo-Do, in una foto del 1994 gentilmente concessa dallo stesso Natale.

“Cosmic Radio Station”, “Space Bubble”, “Back From Galactika”, “Virtuality” ed “UFO” sono i titoli con cui Zennaro prova a replicare l’exploit del 1994 (anche attraverso l’idioma tedesco) ma non riuscendo nella missione. L’album del 1996, “The Shadow And The Planet”, viene pubblicato solo in Francia dalla Atoll Music. Le soddisfazioni per il DJ originario di Udine giungono successivamente da “Struggle For Pleasure” di Skipper, cover dell’omonimo di Wim Mertens prodotto nel 1996 su Enterprise (etichetta fondata con Mario Pinosa di Italia Network e marketizzata dalla Media Records) e da “Formula” di DJ Visage realizzato insieme all’austriaco Norbert Reichart. Senza timor di smentita, però, l’anno più fortunato della carriera da produttore discografico di Einstein Doctor DJ resta il 1994, anche grazie alla produzione parallela di “Eins, Zwei, Polizei” di Mo-Do che vende oltre un milione di copie. (Giosuè Impellizzeri)

© Riproduzione riservata

Jaydee – Plastic Dreams (R&S Records)

Jaydee - Plastic DreamsL’olandese Robin Albers alias Jaydee è diventato uno dei simboli della dance degli anni Novanta grazie a “Plastic Dreams”, partito dai club e finito nelle classifiche di vendita e radiofoniche. Per la serie “tutto può diventare commerciale”, la hit in questione confluisce in quella schiera di brani che sono riusciti a raccogliere successo in ambito generalista pur senza ricorrere agli elementi usuali del pop, come accade, tra gli altri, a “The House Of God” di DHS, “20 Hz” di Capricorn, “Don’t Laugh” di Winx, “Novelty Waves” di Biosphere, “Seven Days And One Week” di B.B.E., “Meet Her At The Love Parade” di Da Hool e “Kernkraft 400” di Zombie Nation. Non è una canzone, non esiste un ritornello da canticchiare o fischiettare. È più vicino al concetto di traccia, di quelle che i DJ ai tempi usano per galvanizzare il proprio pubblico nei locali più “trendy”. In Italia la chiamavano “underground”, probabilmente sull’onda della UMM (Underground Music Movement) che spingeva molti brani di questo tipo. Col suo carico di ipnotismo marchiato da un organo hammond e virtuosismi jazzy, “Plastic Dreams” conquista davvero tutti.

Il passato di Albers intreccia sport e musica: nella nazionale olandese di baseball e campione di wrestling, ascolta jazz, rock e classica sin da quando è piccolissimo. «Mio padre invitava a casa altri appassionati di musica come lui per ascoltare dischi e discuterne insieme. Fui colpito molto da quelle “riunioni” domestiche. Il resto lo fecero mia mamma, scomparsa nel 2011, i programmi del leggendario Ferry Maat che portarono il soul e il funk sulle frequenze radiofoniche nazionali olandesi, e i brani di Quincy Jones, Roberta Flack, Judy Cheeks, Donny Hathaway, Teddy Pendergrass, Earth, Wind & Fire, Led Zeppelin, Deep Purple, Santana, James Brown, Prince ed Howard Jones» rivela oggi Albers.

«Realizzai “Plastic Dreams” durante una calda notte d’agosto del 1992, dopo aver fumato uno spinello sul balcone di casa pensando alla vita e a quanto dolore provocano gli esseri umani. Il batterista che mi raggiunse in studio poco dopo mi trovò in uno stato di trance mentre creavo il brano. Iniziai a suonarlo in una discoteca olandese chiamata Goldfinger, proponendolo ogni domenica per otto settimane consecutive, testandone di volta in volta piccole variazioni nella stesura e nel mixaggio. Dopo due mesi giunsi alla versione definitiva ed iniziai a cercare un’etichetta interessata ma nessuno lo capì ad eccezione della scena gay che invece mostrò di adorarlo durante le serate in discoteca. Non finirò mai di ringraziare la comunità omosessuale che mi supportò sin dal primo momento».

Natural Elements 2

La copertina di “Natural Elements 2”, la compilation su CD attraverso cui Renaat Vandepapeliere della R&S scopre “Plastic Dreams”

“Plastic Dreams” raggiunge il successo quando viene pubblicato dalla belga R&S, l’etichetta-icona nata dalle ceneri della Milos Music e fondata da Renaat Vandepapeliere e sua moglie Sabine Maes, che ha contribuito in modo significativo allo sviluppo della techno ed house di quel periodo. «Visto che non si fece avanti nessuno, stampai poche copie in formato white label attraverso la mia piccola etichetta, la First Impression. Per qualche tempo non accadde nulla. Poi un giorno Renaat era in macchina in compagnia del noto DJ Frank De Wulf ed insieme ascoltarono la compilation su CD “Natural Elements 2” in cui c’era anche “Plastic Dreams”. Rimasero fortemente colpiti ed iniziarono a domandarsi chi fosse il fantomatico Jaydee. Vi lascio immaginare l’emozione e la contentezza quando Vandepapeliere mi propose di stampare il brano su R&S. Finalmente qualcuno credeva nella mia idea. Nel frattempo quelle copie white label divennero rare ed ambite e i DJ iniziarono a contendersele nei negozi di dischi specializzati. Io stesso non ne conservo neanche una. Il resto è storia: “Plastic Dreams”, che ha venduto quasi due milioni di copie, mi diede l’opportunità di esibirmi nei locali di tutto il mondo. Fui il primo DJ olandese a suonare in Russia».

Il successo di proporzioni colossali fa della R&S non più solo un’etichetta di culto per il mondo dei club, e ciò avviene anche grazie ai risultati ottenuti con DHS, Second Phase, Human Resource, Outlander, Capricorn e, un paio di anni dopo, Biosphere. Sul disco sono incisi altri due brani: “Single Minded People”, dallo spirito più techno, con vigorose partiture percussive ad incorniciare il sample vocale preso dall’omonimo di Nicolette uscito nel 1990, e “Try To Find The Rhythm”, dove si ritrovano echi trance, beat techno, cunei house ed un bassline che un po’ ricorda quello di “Problèmes D’Amour” di Alexander Robotnick. Un bel puzzle che ai tempi doveva essere piuttosto difficile inquadrare in un genere preciso.

Plastic Dreams (Downtown)

“Plastic Dreams” viene pubblicato in Italia dalla Downtown (gruppo Time). A campeggiare è il cavallino rampante, logo della R&S chiaramente ispirato da quello della Ferrari

Il successo di “Plastic Dreams” coinvolge presto anche l’Italia dove viene licenziato attraverso la Downtown, etichetta della bresciana Time. «Ricordo molto bene l’Italia, feci un tour dal nord al sud con così tante date da riuscire a parlare piuttosto bene l’italiano. In particolare rammento le serate nel meridione dove ho trascorso esperienze indimenticabili, conoscendo nuovi amici e mangiando la bistecca più buona del mondo. Mi innamorai persino di una bellissima ragazza italiana con cui trascorsi momenti stupendi. Mi invitarono come special guest anche in un party a Roma ma fu una pessima esperienza visto che l’organizzatore non mi pagò e fui costretto a scucire di tasca mia il denaro per l’hotel, per il taxi e per il volo di ritorno. Dopo quell’esperienza l’Italia era solo un posto da evitare, e ad oggi il debito di 100.000 euro non è stato ancora saldato».

Come spesso accade per i classici, anche “Plastic Dreams” viene sottoposto a numerosi “trattamenti di lifting”, sin dal 1995. A metterci le mani, tra i tanti, David Morales, Pascal F.E.O.S. e l’italiano Andrea Doria. «Credo sia piuttosto complesso remixare “Plastic Dreams”. Ho chiesto all’amico Armin van Buuren di provare a realizzare una sua versione ma mi ha risposto che è meglio lasciarla così, senza alterare nulla, perché nessuno potrà mai superare la magia dell’originale. Tra i tanti remix usciti in oltre venti anni ho apprezzato quello di Andrea Doria, molto energico anche se nel complesso poteva essere migliorato. Altri invece mi hanno completamente deluso».

Il follow-up di “Plastic Dreams” arriva nel 1994 e si intitola “Music Is So Special” ma il successo non viene replicato. «Non è semplice “doppiare” un inno del genere. La magia degli anthem è unica. Magici, del resto, furono anche gli anni Novanta, di cui ricordo la libertà, le poche preoccupazioni, il suonare continuamente in diverse nazioni, incontrare ogni tipo di persona e godersi la vita al massimo. Ho avuto la fortuna di assistere alla nascita di una nuova rivoluzione musicale con la house, e mi sento fiero di aver preso parte alla sua storia. La house non morirà mai».

Per Albers gli anni novanta scorrono felici, tra molte produzioni firmate anche con vari pseudonimi (come Chemistry, Karnak e Graylock) e il prestigio infinito che deriva da “Plastic Dreams”. Torna al successo nel 1997 quando inventa, insieme a Dieter Kranenburg e Michel Rozenbroek, il progetto The Sunclub che si fa sentire anche da noi con “Fiesta De Los Tamborileros”. (Giosuè Impellizzeri)

© Riproduzione riservata