Techno Bert – Neue Dimensionen (Doremix Records)

Techno Bert - Neue DimensionenMentre impazza la piano house che l’Italia riesce ad esportare con indiscusso successo in tutto il mondo (Stati Uniti compresi), nel 1990 si registra anche una forte spinta della techno che comincia a mutare pelle attraverso i compositori europei. Rispetto alle matrici di Detroit risalenti a qualche anno prima, molta della techno(logic) music nata e pensata nel Vecchio Continente è costruita in modo differente, sia per impostazione ritmica e melodica, sia per intenti, più fisici che mentali. Per certi versi gran parte della euro techno proviene da strascichi new beat e non dalle riflessioni utopiche della Motor City, come nel caso di “Neue Dimensionen”, un titolo che (forse) vuole celebrare proprio la nuova dimensione in cui ci si appresta ad entrare con l’arrivo del nuovo decennio.

Dietro Techno Bert armeggiano i compositori italiani Roberto Passera e il compianto Stefano Cundari, passato a miglior vita il 29 dicembre del 1993. Passera oggi racconta: «Stefano e il socio Alessandro Zanni erano reduci di una decade di successi, avendo prodotto brani ed artisti in ambito italo disco sulla Memory Records (uno su tutti, Koto), ed avevano appena ceduto il catalogo editoriale all’etichetta tedesca ZYX per formare una nuova società che avrebbe iniziato a produrre dance con le sonorità più attuali richieste dal mercato. Era il 1990, si parlava di house, techno e downbeat. Stefano, che era un ex DJ, cercava idee da trasformare in dischi e contattò alcuni giovani disc jockey emiliani interessati alle produzioni a cui poi affidò la direzione artistica delle etichette del gruppo M.C.E., la nuova società fondata con Zanni. In pratica ognuno aveva un marchio da lui ideato su cui far uscire le proprie creazioni: Ivan Iacobucci sulla Unlimited Records, Frank K sulla Unknown, Cisky sulla Action 4 Action ed io sulla Doremix. Naturalmente tutto era realizzato insieme allo stesso Cundari.

Il primo dei miei due lavori fu “Neue Dimensionen” che si doveva sviluppare sul noto riff chitarristico di “Happy House” di Siouxsie & The Banshees in un crescendo techno, in cui ci saremmo divertiti ad inserire quanti più sample possibili fermandoci solo quando la capacità di memoria del campionatore Akai S1000 sarebbe stata piena. Mentre Cundari curava i suoni dal banco analogico a 48 canali ed assegnava effetti modulari alle tracce, in studio con me c’era il musicista Stefano Carrara che pilotava le tastiere e il Notator installato sul computer Atari. Iniziammo la giornata di lavoro campionando il groove di “Being Boiled” degli Human League che avevo voglia di utilizzare da tanto tempo, e costruimmo sopra armonia e melodia ispirate a Siouxsie & The Banshees con un synth Jupiter a cui aggiungemmo un basso di rinforzo ottenuto con un Bassline Roland TB-303. Poi fu la volta di un groove derivato da una batteria Roland TR-909, cassa, rullante, charleston, crash e clap. A metà mattinata tutto ruotava già piuttosto bene.

Sequential Circuits - Prophet-5

Uno degli strumenti usati per “Neue Dimensionen”, il sintetizzatore Prophet-5 di Sequential Circuits

Avevamo bisogno di creare un giro di basso e ci divertimmo a cercare suoni grassi ed inconsueti sul synth Prophet-5 a cui far eseguire le note più bizzarre possibili sotto il riff ispirato ad “Happy House”. Apprezzavamo molto i sintetizzatori delle produzioni provenienti dallo studio udinese di Fulvio Zafret e più in generale lo stile della DFC, l’etichetta con cui lavorava, così tentammo di avvicinarci a quegli standard. All’ora di pranzo avevamo creato il riff principale di Techno Bert. Nel pomeriggio lo facemmo suonare bene dal banco e funzionava. Avevamo ancora memoria a disposizione nell’Akai e pensammo a qualche slogan parlato per incalzare il ritmo. Proposi un break vocale preso da “Herrmann Hiess Er di Nina Hagen ma Stefano rimase basito, lo trovava troppo azzardato e propose di campionare brani dai dialoghi di Laurel & Hardy (Stanlio e Ollio) da un suo LP, meno aggressivi e di dominio pubblico sotto il profilo della proprietà, quindi più sicuri. Passammo l’intero pomeriggio a scegliere, campionare e tentare di montare questi frammenti ma il risultato non fu dei migliori. Verso sera tornammo a lavorare sulle voci della Hagen che si sposarono benissimo col brano, e da quelle prendemmo in prestito anche il titolo. Montammo i frammenti vocali secondo la loro musicalità senza curare l’eventuale senso che avrebbero avuto le frasi, anche perché non parlavamo il tedesco. In seguito ho scoperto che, fortunatamente, un senso lo avevano. Nonostante avessimo spezzettato e scombinato l’ordine, il risultato finale non era così distante da quello originale della Hagen. Il nostro collage era terminato. Impiegammo altri due giorni per i suoni, per il mixaggio (che a dispetto dei credit non fu realizzato da Alex Orlowski, il mio migliore amico dei tempi citato in segno di ringraziamento) e per finalizzare le versioni. Alla fine dell’estate iniziarono a circolare le prime white label».

Da quella estate, che molti ricordano per i Mondiali di Calcio in Italia, la mascotte Ciao e il tormentone di Edoardo Bennato e Gianna Nannini prodotto da Giorgio Moroder, sono ormai trascorsi oltre venticinque anni ma il brano continua incredibilmente a suonare “fresco”, senza tradire influenze retrò legate ad una stagione stilistica troppo specifica. Paradossalmente questa caratteristica lo rende poco appetibile almeno per il pubblico italiano, visto che all’estero viene adocchiato da molti DJ tra cui Sasha e Tanith che lo inseriscono nelle loro compilation mixate. «Nonostante fosse distribuito dalla Flying Records, solo i club più attenti puntarono su Techno Bert apparso su Doremix. Moltissimi lo scoprirono l’anno seguente attraverso la stampa belga sulla Target che circolò in quasi tutta l’Europa, o mediante la versione spagnola su Spitfire. Credo che della tiratura su Doremix ne siano state vendute circa 1500 copie, circa il triplo invece quelle su Target. Andò bene anche a quella in Spagna. Pur senza fare grossi numeri di vendita e senza alcun passaggio radiofonico, il brano sopravvive in virtù di una connotazione prettamente underground».

Il riff di “Happy House” viene sfruttato con più successo dalla Media Records di Gianfranco Bortolotti che con quella melodia, nel 1993, realizza una autentica hit internazionale, “U Got 2 Know” di Cappella. Anni dopo (nel 2000) anche il sample degli Human League viene riciclato dall’etichetta di Roncadelle attraverso “Humantek” di Mario Più. Radicalmente diverso lo scenario che si prospetta col secondo (ed ultimo) disco su Doremix, “Dreaming Away” di W.L.D. Feat. Jenny G, legato alla più canonica house che funziona ai tempi. «Techno Bert aveva dato buone soddisfazioni attraverso le due licenze ma con Cundari decidemmo di produrre un secondo esperimento diverso, dando una veste dance ad una canzone del musicista Mirco Prandi che conobbi nel negozio di dischi dove lavoravo. La cantante, appena sedicenne, sarebbe diventata molto nota in seguito prestando la voce a brani di Corona e Playahitty e vincendo anche il Festival di Sanremo: mi riferisco a Giovanna Bersola in arte Jenny B ma che sul nostro disco si firmò Jenny G. Rispetto a “Neue Dimensionen”, “Dreaming Away” ci diede maggiori soddisfazioni nell’immediato entrando nella playlist di Rete 105 ma a cui non seguirono altri riscontri rilevanti».

Quella di Techno Bert è una fugace apparizione visto che Passera non ricorre più a questo pseudonimo per i propri progetti discografici. «A segnare la fine della collaborazione con Cundari fu uno stile poco chiaro nei rendiconti, ma a non rendere più concretizzabile la sinergia fu anche la sua triste e prematura scomparsa. Nel frattempo riuscii ad allestire il mio primo home studio insieme ad Emanuele Asti con cui realizzai, sino al 1992, altri dischi sotto vari nomi come Centurion e Goga Magoga»Techno Bert, riapparso nel 1996 sulla Dangerous del gruppo Dig It International in occasione dei remix a firma Michael Wolf e Yale, continua ad essere ricercatissimo sul mercato dell’usato e per questo, nel 2008, la spagnola Blanco Y Negro lo ristampa in un sampler insieme a Front 242 e The Fuzztones. «Sono contento che Techno Bert continui ad essere apprezzato. Lo ho ritrovato nel 2012 all’evento Back To Basics a Berlino e nel documentario Wendeklang sulla caduta del Muro e sulla nascita della scena techno elettronica. È finito anche in svariate compilation pubblicate in diversi Paesi del mondo, ed ho scoperto l’esistenza persino di alcuni remix, più o meno regolari. Mi farebbe molto piacere se quello che è diventato un piccolo classico underground potesse circolare di nuovo nei negozi e girare sui piatti dei DJ».

Per Passera il successo su ampia scala giunge nel nuovo millennio quando è nel team di produzione dei Doing Time per “I Was A Ye-Ye Girl”, jazzdance in cui figura il sax di Chicco Montefiori dei Montefiori Cocktail e che viene scelta per lo spot del Maxibon Motta. (Giosuè Impellizzeri)

© Riproduzione riservata

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...