Storm – Storm (Jam!)

Storm - StormConiugare ciò che sembra inconiugabile, come la trance e il flamenco, porta Rolf ‘Jam El Mar’ Ellmer e Markus ‘Mark Spoon’ Löffel, meglio noti come Jam & Spoon, verso un successo non pronosticato, e la triade “Right In The Night (Fall In Love With Music)”, “Find Me (Odyssey To Anyoona)” ed “Angel (Ladadi O-Heyo)” apre loro le porte di un mondo rispetto a cui erano stilisticamente assai remoti, quello dell’eurodance. Quando la formula non produce più gli stessi risultati (“Kaleidoscope Skies” ed “El Baile”, da noi passati praticamente inosservati), i due tedeschi avvertono la necessità di reinventarsi, a partire dal nome. È in quel momento che nasce Storm.

«Nel corso degli anni Jam & Spoon si trasformò da un progetto underground destinato ai club in qualcosa di molto diverso che mischiò trance e pop» racconta oggi Ellmer. «La cosa non ci dispiacque affatto ma a lungo andare sentimmo l’esigenza di elaborare cose nuove e per farlo avevamo bisogno di un contesto inedito. Così Mark propose di creare un progetto chiamato Storm, che sarebbe stato strettamente connesso al mondo dei club, privo di compromessi per entrare nelle classifiche e vendere enormi quantità di dischi». La voglia di anonimato anima il duo che sul primo singolo uscito nell’estate del 1998, “Storm”, omette ogni riferimento ai nomi anagrafici che avrebbero rivelato la paternità del disco. L’operazione ricorda quanto fatto da Liam Howlett dei Prodigy nel 1993, quando si firma Earthbound per contrastare la cattiva propaganda, pare istigata da un giornalista di Mixmag, che lo accusa di aver ucciso i rave. Ellmer e Löffel tornano quindi a vestire i panni di Trancy Spacer & Spacy Trancer, due nomignoli che usano sin dal ’94 per Tokyo Ghetto Pussy, un act parallelo a Jam & Spoon ma stilisticamente assai distante dalla trance. Tenere celate le generalità, ai tempi in cui internet è abitato da pochissimi eletti e i social network non esistono ancora, è un’operazione a cui ricorrono in tanti con l’obiettivo di dare multiple direzioni alla propria attività produttiva.

Jam & Spoon (intorno al 1996)

Jam El Mar e Mark Spoon in una foto scattata intorno al 1996

Tutto questo però non basta a tenere lontano Storm dal pop. «Le cose andarono diversamente rispetto a quanto ci aspettassimo e “Storm” entrò eccome nelle chart. A quel punto non eravamo più underground, fortunatamente o sfortunatamente, a seconda dei punti di vista, e le cose non sarebbero cambiate neanche in futuro perché grazie ad altri singoli, come “Time To Burn”, finito per quattro settimane nella top ten britannica e per cui fummo ospiti a Top Of The Pops, Storm si sarebbe affermato a tutti gli effetti come un gruppo» prosegue l’artista. Se da un lato continuano ad arrancare come Jam & Spoon (il singolo “Don’t Call It Love”, ancora cantato da Plavka, ricicla le atmosfere dei brani più noti ma con scarsi risultati), dall’altro Ellmer e Löffel esplodono in tutta Europa come Storm col singolo omonimo, pubblicato dalla Jam! del gruppo Dance Pool/Sony e licenziato da colossi come Jive, V2 e Positiva.

«Inizialmente lo mettemmo in circolazione in formato white label single sided, per attirare l’attenzione degli addetti ai lavori e creare buzz. Sull’etichetta centrale c’era solo il nome Storm, sull’altro lato un bel punto interrogativo ad alimentare il mistero. Solo in seguito esce su Jam! e in territori stranieri grazie a diverse partnership strette con altre etichette. Insomma, non avevamo pianificato davvero nulla e non ci fu nessuno a favorire o meno il successo. Il brano stesso nacque in modo del tutto spontaneo, utilizzando un sintetizzatore che amavo e che secondo me continua ad adattarsi benissimo a qualsiasi genere, il Clavia Nord Lead in versione rack. Ero in studio intento a sperimentare suoni con quello strumento e giunse Mark. Gli feci sentire una specie di riff che stavo strimpellando e mi disse di smetterla perché era terribile. Seguii il suo consiglio e ci mettemmo a lavorare su altro ma dopo un po’, inaspettatamente, mi chiese di riascoltare ancora quel “suono terribile”. Per fortuna non avevo ancora modificato i parametri e partimmo da lì. Approntammo un arrangiamento e poco altro per ottenere la versione finale. Contrariamente a quanto si potrebbe credere, l’idea non venne da “Meet Her At The Love Parade”, seppur l’atmosfera fosse simile. Proprio per questa casuale assonanza decidemmo di commissionare il remix a Da Hool, particolarmente attivo visto il successo ottenuto l’anno prima. Credo però che i suoi brani fossero più solari a differenza di quelli di Storm, più dark e spietati».

Clavia Nord Rack

Il sintetizzatore usato per il riff di “Storm”

“Storm”, suonatissimo alla Love Parade di Berlino, arriva anche in Italia dove si impone come successo autunnale. A trainarlo è anche un video finito nella programmazione delle tv musicali attive ai tempi, incluse quelle generaliste come Count Down Television fondata da Toni Verde (ACV, A&D Music And Vision). «La clip fu diretta da un nostro caro amico, Marcus Sternberg (che firma anche quella di “Stella 1999 – 1992” e circa un anno prima realizza quella di “It’s Like That” di Run-DMC Vs. Jason Nevins, nda). Reclutò alcuni ragazzi a Los Angeles e girò il video in un giardino botanico nella stessa città». Un frame di quella clip finisce sulla copertina destinata ad Italia, Spagna e Francia, a differenza di quella diffusa in Germania e Benelux sulla quale trova invece posto un dettaglio della fiancata di una Ferrari Testarossa.

Il follow-up di “Storm” esce nell’autunno inoltrato del ’98 e il titolo offre la connessione col precedente, “Huri-Khan”. Dopo la tempesta è tempo di un uragano. Usando un breve campione vocale tratto da “Vamp” di Outlander (R&S Records, 1991), i tedeschi costruiscono il loro brano facendo leva su suoni che ricordano un altro successo di poco tempo prima, “Sonic Empire” dei Members Of MayDay. Pure “Huri-Khan” viene diffuso inizialmente in formato white label single sided. Le scarsissime informazioni sull’etichetta centrale offrono il nome del gruppo, il titolo del pezzo e gli RPM. Al posto del punto interrogativo viene piazzato un punto esclamativo mentre il remix, questa volta, è firmato da un giovane ed ancora sconosciuto Chris Liebing. «Le reazioni furono buone ma non entusiastiche come avvenne per “Storm”. “Huri-Khan” riuscì comunque ad entrare nelle classifiche grazie ad uno stile intenzionalmente simile alla hit precedente. Decidemmo di affidare il remix a Liebing per il quale ai tempi nutrivamo forte rispetto per il suo lavoro e la sua musica. Inoltre è nativo di Francoforte, come noi, quindi fu piuttosto semplice trovare il modo per contattarlo».

Jam El Mar nel 1985

Un giovane Jam El Mar nel 1985

Il 1999 vede l’uscita di un terzo singolo, “Love Is Here To Stay”. A remixarlo sono Blank & Jones che quell’anno si affermano nel circuito euro trance con “After Love” e “Cream”, ma questo non basta a riportare al successo gli Storm che qualcuno, nell’ambiente, dà già per spacciati. I timori vengono scongiurati nel 2000 quando la Zeitgeist, del gruppo Polydor, pubblica il primo (ed unico) album del duo, “Stormjunkie”. I nomi anagrafici sono ancora celati ma alcune fotografie presenti nel booklet rivelano qualcosa in più sulla paternità autoriale, però a tal proposito Ellmer spiega che «già dopo l’uscita di “Storm” gli addetti ai lavori seppero chi ci fosse dietro il progetto, quindi inserimmo quelle fotografie certi che non ci fosse più nulla da nascondere». “Stormjunkie”, uscito anche in Italia dove la V2 conta sul supporto promozionale di Radio Italia Network ripartita come RIN, include i primi tre pezzi editi precedentemente ed una serie di brani nuovi di zecca tra cui “Time To Burn”, estratto come nuovo singolo. Campionando un frammento di un’altra traccia memorabile del ’91, “Sonic Destroyer” degli X-101, uscita su Underground Resistance, gli Storm tornano al successo un po’ in tutta Europa, Regno Unito incluso, facendo leva su suoni retrò della hoover techno in auge una decina di anni prima. Sono diversi i remixer interpellati, Pascal F.E.O.S., Nick Sentience e l’italiano Mauro Picotto che quell’anno completa la sua trilogia rettiliana con “Komodo” e diventa uno degli headliner di eventi sparsi in tutto il globo. «Con “Time To Burn” variammo stile andando in una direzione completamente differente rispetto ai brani usciti tra ’98 e ’99. Mauro Picotto era un ottimo amico di Mark ed allora pubblicava tracce-bomba (a dire il vero lo fa ancora!), quindi fu quasi naturale commissionargli quel lavoro. L’anno seguente saremmo stati noi a remixare un pezzo italiano, “La Musika Tremenda” di Ramirez, un team popolarissimo che in Germania, tempo prima, vendette una valanga di dischi. Continuo tuttora ad inserire le loro tracce nei miei set old school».

Tra la fine del 2000 e il 2001 gli Storm riappaiono ancora, prima con “Stormanimal” e poi con “We Love”, ancora venati di retrò techno analogamente a “Time To Burn”. Circola voce che entrambi siano tratti da un secondo album che però non vedrà mai la luce. «Storm era giunto a conclusione. Era diventato un brand affermato per il grande pubblico ma il concept originale ormai era irrimediabilmente perso. Non era il caso di andare avanti con quei presupposti, non aveva più senso ma se Mark fosse ancora qui sono sicuro che avremmo deciso di riprenderlo in qualche modo».

Mentre cala il sipario su Storm, Ellmer e Löffel tornano a vestire i panni di Jam & Spoon approdando sulla Vandit Records di Paul van Dyk con “Be. Angeled”, in coppia col cantante irlandese Rea Garvey, collaborando con Jim Kerr dei Simple Minds per “Cynical Heart” e tentando una nuova carta di nuovo insieme a Plavka con “Butterfly Sign”. Nel 2004 si aprono in modo definitivo al pop con “Set Me Free (Empty Rooms)”, interpretato ancora da Garvey, ma non sortendo gli stessi risultati di dieci anni prima. I tempi sono cambiati come del resto la musica e la generazione che in quel periodo viene svezzata con linee ADSL, peer-to-peer e file MP3. Il primo album sulla Logic Records degli Snap! (“Breaks Unit 1”, 1991), il successo di “Stella” (dal “Tales From A Danceographic Ocean”, R&S Records, 1992), l’epocale remix per “The Age Of Love” degli Age Of Love e per altri artisti di culto come Moby (“Go”), Cosmic Baby (“Loops Of Infinity”), New Order (“Blue Monday”) e Yello (“You Gotta Say Yes To Another Excess”) sono ormai lontanissimi.

RIP Mark Spoon (Groove n. 99, marzo 2006)

Una delle pagine con cui la rivista tedesca Groove rende omaggio a Mark Spoon (numero 99, marzo 2006)

Ellmer, che insieme a Dag Lerner crea i Dance 2 Trance (di cui abbiamo parlato qui), resta solo nel 2006 quando l’amico Mark si spegne improvvisamente ad appena trentanove anni. Giungono messaggi di cordoglio da ogni parte del mondo, la rivista tedesca Groove gli dedica due pagine chiedendo ad alcuni amici e colleghi, come Steffen Charles del Time Warp, Pauli Steinbach di Cocoon, Timo Maas e Tania Cappelluti, manager di Storm, di rivolgergli un ultimo saluto. «Ho così tanti bei ricordi legati a lui che non saprei indicare quale sia il migliore» prosegue Ellmer. «Sono felice di essere riuscito a creare, in coppia, musica che risulta ancora forte e motivo d’ispirazione per tanta gente, e per questo nutro un senso di profonda gratitudine nei confronti di Mark. In studio ci capivamo al volo e ciò favorì la nostra sinergia artistica dandoci la possibilità di vincere tanti premi e girare il mondo. Gli istanti più preziosi e divertenti che riappaiono nella mia memoria però non sono quelli che tutti possono vedere nei videoclip bensì ciò che avveniva tra di noi mentre giravamo quelle scene e che ora restano indelebilmente nel mio cuore». (Giosuè Impellizzeri)

© Riproduzione riservata

Annunci

Dance 2 Trance – Power Of American Natives (Blow Up)

Dance 2 Trance - Power Of American NativesCome suggerisce il nome stesso, Dance 2 Trance nasce dalla spinta entusiastica verso un allora nuovo genere musicale, la trance, che nei primissimi anni Novanta emette i vagiti negli studi di registrazione mitteleuropei. È un periodo particolarmente fecondo di creatività, ricco di collisioni stilistiche che determinano inedite formule espressive destinate a lasciare il segno, proprio come accade con la trance, genere a cui si accostano moltissimi produttori del nord Europa confrontandosi essenzialmente sul binomio ritmo-melodia.

«Sono da sempre un fan della musica da discoteca, sin da quando ero un punk alla fine degli anni Settanta» racconta oggi Dag Lerner, tedesco, classe ’60, uno dei due componenti di Dance 2 Trance. «Il mio club preferito era il Dorian Gray di Francoforte che aprì le porte nel lontano 1978. Quell’anno ero lì ma non mi fecero entrare, ci vollero circa sei mesi prima che potessi finalmente mettere piede in quel posto. Credo di essere nato con la predisposizione a frequentare le discoteche, è qualcosa che mi scorre nel sangue da sempre».

Il contributo artistico di Lerner risulta determinante per l’esplosione interterritoriale della trance, genere che inconsapevolmente si ritrova a modellare sin da quando incide per la ZYX Records, nel 1989, “The Joker” di Hanta Yo. «Divenni uno dei DJ del Dorian Gray, cosa che per me rappresentò già la realizzazione di un sogno. Una sera mentre ero in consolle venne Torsten Fenslau (noto produttore tedesco scomparso prematuramente nel 1993 in seguito ad un incidente stradale, ricordato per il suo maggiore exploit commerciale, Culture Beat, nda) e mi domandò quando sarebbe uscito il mio primo singolo. Mi prese alla sprovvista, non sapevo davvero cosa rispondergli perché, sinceramente, sino a quel momento non presi mai in considerazione l’ipotesi di incidere un disco. In fin dei conti ero solo un DJ. Fenslau però mi fece riflettere e così qualche giorno dopo chiesi aiuto a mia madre per procurarmi gli strumenti base ed iniziare a produrre dischi. Non disponendo dei soldi necessari, lei mi aiutò chiedendo un prestito alla banca a suo nome. Luca Anzilotti degli Snap! mi procurò quindi una workstation Roland W-30 che aggiunsi ad altre macchine dell’amico Mischka Iljine con cui realizzai “The Joker”. Era il 1989».

Dorian Gray 1990

DJ Dag in una foto scattata nel 1990, anno in cui nasce il progetto Dance 2 Trance

Un anno dopo Lerner unisce le forze ad un altro astro nascente del DJing teutonico, Rolf Ellmer, meglio noto come Jam El Mar, futuro membro di Jam & Spoon e Storm. Insieme formano i Dance 2 Trance, sostenuti dalla debuttante Suck Me Plasma di Talla 2XLC. I primi singoli, “Dance 2 Trance”, “Let’s Get Rollin'” e “¿Where Is Dag?”, fanno breccia nei cuori dei DJ specializzati ed alimentano quel filone in divenire che è la trance, ma le cose sarebbero cambiate da lì a breve. «La collaborazione con Jam El Mar nacque in virtù di un brano destinato alla colonna sonora di un film. Il pezzo lo realizzammo (però non ricordo se lo completammo!) ma il film non vide mai la luce. Visto che l’esperienza in studio fu piacevole, decidemmo di proseguire coniando un progetto nuovo, Dance 2 Trance per l’appunto. La prima traccia che facemmo fu “We Came In Peace” e in quel periodo capii che la musica che solitamente mettevo come DJ al Dorian Gray spingeva l’ascoltatore verso una sorta di stato di trance. Mi venne naturale chiamarla “trance” anche perché girava su suoni ipnotici che trasportavano in una dimensione ammaliante. A quel punto anche il nome del progetto avrebbe dovuto contenere la parola “trance” e quindi optammo per Dance 2 Trance».

Nel 1992 la Blow Up del gruppo Intercord pubblica “Power Of American Natives”, senza ombra di dubbio il brano più noto della discografia del duo tedesco. Atmosfere sognanti e costantemente ipnotiche, ritmo serrato, un accattivante hook vocale di Linda Rocco trainato da un riff eseguito con uno strumento a fiato e un testo ossequioso per i nativi americani: con questi elementi i Dance 2 Trance sfondano nel mercato di massa che sino a quel momento li aveva praticamente ignorati. «Quando stavamo preparando l’album “Moon Spirits” la Blow Up, a cui la Music Research cedette in licenza il disco, ci mise fretta dandoci appena due settimane di tempo per completarlo. Praticamente incidevamo una traccia ogni ventiquattro ore, weekend esclusi. L’ultimo giorno non avevamo la più pallida idea di cosa produrre come brano finale. Invitai Rolf ad uscire dallo studio per andarci a bere una birra, prendere un po’ d’aria ci avrebbe potuto aiutare per capire cosa fare. Dopo un breve brainstorming per raccogliere le idee proposi di ispirarci a qualche disco italiano di successo tipo Ramirez o Atahualpa, col suono caratteristico del pan flute. Rolf fu subito d’accordo, peraltro ricordava di avere quel suono in studio. In breve approntammo la versione strumentale di “Power Of American Natives” che chiudeva la tracklist dell’LP, anche se l’ordine dei brani venne poi modificato dalla Blow Up. Quando uscì l’album iniziammo, con sorpresa, a ricevere decine di richieste di “Power Of American Natives” e in breve il pezzo esplose letteralmente vendendo 250.000 copie solo in Germania e garantendosi l’importante riconoscimento del disco d’oro. Ritengo che l’elemento cruciale sia stato proprio il suono del flauto di pan, l’aggiunta della voce di Linda Rocco fu un espediente per renderlo più commerciale seppur con qualche riserva da parte mia». Il successo di “Power Of American Natives” viene suggellato da un video in cui scorrono molte immagini legate al mondo dei nativi americani, leitmotiv di “Moon Spirits” esternato sin dalla copertina (e scenario che da noi verrà rispolverato tre anni dopo con discreto successo da Roberto Delle Donne in “Wakan”). In quella clip però l’immagine è dominata dalla sola Rocco. «Non so il motivo per cui io e Rolf non figurammo e tantomeno conosco il costo di quell’operazione. Ricordo solo che a realizzare il video fu la Trust di Francoforte».

Parallelamente a Dance 2 Trance, i due tedeschi portano avanti un paio di side project, Peyote e The Odd Company. Il primo si guadagna il supporto della Dance Pool e della R&S, il secondo è spalleggiato dalla Logic Records fondata da Michael Münzing e dal citato Luca Anzilotti (Snap!, Off). «Non ricordo bene le ragioni per cui creammo quegli “spin-off” ma stilisticamente erano molto vicini a Dance 2 Trance. Presumibilmente inventammo nuovi nomi per esplorare la trance e provare a ricavare qualcosa di diverso (oppure la ragione risiede nel più banale motivo legato ad esclusive discografiche, nda). In merito agli Snap! poi, quando uscì “Rhythm Is A Dancer” chiesi a Matthias Martinson, manager del gruppo nonché proprietario dell’Omen a Francoforte, di poter fare un remix. Lui acconsentì e mi propose di realizzare anche una versione per “Do You See The Light”».

Moon Spirits (artwork by Stefan Lochmann)

La copertina di “Moon Spirits”, primo album dei Dance 2 Trance pubblicato anche in Italia. L’artwork è del designer grafico Stefan Lochmann

“Power Of American Natives” (ma anche “Take A Free Fall” e l’intero album “Moon Spirits”) viene pubblicato in Italia dalla Dig It Al Mark, una delle tante etichette gestite dalla Dig It International di Milano che commissiona un remix agli Unity 3 (Marco Franciosa, Mario Scalambrin e Paolo Kighine, forti quell’anno per “The Age Of Love Suite” finito su NovaMute). Il successo da noi è rilevante seppur la trance non riuscirà mai a prendere piede ed affermarsi come altrove nel mondo. «”Power Of American Natives” andò fortissimo in Italia, ottenemmo il disco d’oro anche lì nel 1993 ma nonostante ciò non ho mai avuto alcun contatto con la scena musicale italiana» dice il DJ.

La trance poi si trasforma in un genere per platee immense in tutto il mondo ma per allargare così tanto il bacino d’utenza viene sottoposta ad un radicale trattamento di “mutazione genetica” che, per certi versi, la rende irriconoscibile se rapportata a quella degli inizi. In merito a ciò Lerner è lapidario: «Credo di essere stato il creatore della trance, inventandola e dando ad essa questo nome. Tutto quello che altri hanno fatto in seguito non ha nulla da spartire con la mia idea di trance. Le voci femminili, le lunghe pause, le ripartenze per vedere le mani in aria del pubblico non hanno veramente niente in comune con quella che era la trance dei primi anni Novanta, ed infatti ho costantemente cercato di stare sempre alla larga da quello che la massa chiama gergalmente “scena trance”».

L’ultimo singolo dei Dance 2 Trance è “I Have A Dream (Enuf Eko?)”, uscito nel 1995, pubblicato in Italia ancora da Dig It International ed estratto dal secondo album “Revival” da cui viene preso anche il fortunato “Warrior”. In quel momento le strade di Lerner ed Ellmer si dividono. «Alla base di Dance 2 Trance c’era l’idea di lavorare in modo analogo agli Alan Parsons Project, ossia pubblicare concept album, alternare cantanti maschili e femminili oppure limitarsi a tracce strumentali ma mantenendo le porte aperte per nuove combinazioni sonore. Rolf e il management, dopo il successo di “Power Of American Natives”, volevano proseguire invece nel solco commerciale con Linda Rocco. Sia ben chiaro però, non ho mai odiato o biasimato il mio partner o il management che ci gestiva. Dopo l’exploit di “Power Of American Natives” iniziammo a non avere più tempo sufficiente per lavorare in tranquillità, l’etichetta ci pressava di continuo e solitamente ci dava appena quattro giorni per completare un singolo che, secondo le aspettative, doveva obbligatoriamente essere un successo mainstream. La conseguenza di tutto ciò fu “I Have A Dream (Enuf Eko?)”, interpretata da una cantante di Norimberga e realizzata a tempo di record per le continue insistenze dei manager della label. Non ci fu modo per sviluppare l’idea e completarla decentemente ed infatti resta il brano che non ho mai suonato in discoteca. Fu l’ultima esperienza in studio con Rolf, non era il caso di andare avanti in quel modo».

Il mainstream che fagocita con ingordigia le idee della scena specializzata pone fine alla storia dei Dance 2 Trance che si ritrovano con molta meno libertà creativa a disposizione. Il prezzo da pagare per il successo è alto, fin troppo. Il contenuto del secondo album “Revival” rivela una componente pop più marcata rispetto al primo, seppur il concept di partenza non mirasse affatto a cavalcare un trend bensì rievocare i brani preferiti degli autori risalenti agli anni Sessanta e Settanta. Svelata quindi la ragione delle matrici rock/soul di “Purple Onions” (remake di “Green Onions” di Booker T & The MG’s, 1962) a cui segue la reggaeggiante “Mrs. Cannabis” che si avvale del featuring vocale di MC Mike Romeo (quello che rappa in “Tonight Is The Night” dei Le Click e “I Found Luv” di Taleesa), la citata “Warrior” cantata da Vernon, “Neil’s Aurora” e “Christopher, Who?” dedicate rispettivamente a Neil Young e al sioux Floyd ‘Red Crow’ Westerman. Parte dei proventi vengono destinati proprio agli amici indiani di Dag che vivono nella riserva sul fiume Cheyenne. A suonare le chitarre Dieter Müller è invece Jam El Mar.

Nature One 2016

DJ Dag alla consolle del Nature One nel 2016

Revival è diventata una parola-chiave oggi, che identifica un numero imbarazzante di artisti imprigionati nelle maglie del passato. «Anche in Germania si assiste ad un fenomeno simile, cover ovunque che mi annoiano e basta. Mi rendo conto che dopo tanti anni pare che tutto sia già stato detto e sperimentato ma credo che a mancare ora sia proprio la propensione a cercare di fare qualcosa di nuovo, come facemmo noi con Dance 2 Trance ad esempio. Adesso l’attenzione è rivolta ad individuare brani da coverizzare, cosa che porta la maggior parte dei nuovi “DJ EDM” a diventare popolari in breve tempo. Approntano un remake nel loro homestudio e poi i promoter li trasformano in DJ, pagandoli fior di quattrini pur senza avere la benché minima conoscenza di cosa faccia realmente un DJ. Da lì è facile trovarli nelle consolle di grossi festival mentre mixano brani tratti da una chiavetta USB. È così che funziona oggi in certi ambienti ma nei club la ruota gira e per fortuna sto iniziando a vedere nuovi DJ con nuove idee». (Giosuè Impellizzeri)

© Riproduzione riservata